Vacanze in Trentino con bambini? Ecco qualche idea per delle splendide passeggiate all’aria aperta, alla scoperta di sentieri e percorsi tematici su misura per i più piccoli!

Camminare tra i sentieri del Trentino è sempre un’esperienza unica, soprattutto per le famiglie con bambini: tra i sentieri delle vallate e delle montagne di questa regione i più piccoli possono vivere vere e proprie fiabe e sognare ad occhi aperti! I “c’era una volta” del Trentino sono sconfinati: Re Laurino, la Fata Gavardina e il Grillo Parlante della Val Lomasona ruzzolano tra una cima, una nuvola ed un crinale finendo per giocare a nascondino lungo simpatici sentieri. Si tratta di percorsi delle fiabe, facili e divertenti, a misura di famiglia, da esplorare anche con il passeggino. Dietro ogni albero, un personaggio misterioso da incontrare e un nuovo gioco da provare: il castello incantato in cui rincorrersi, la carrucola per arrampicarsi, tronchi da suonare e laghi d’erba da fotografare. E poi, tana per tutti in quel rifugio lassù, fatto di legno, sassi e balconi fioriti. Il posto perfetto per chiudere una giornata magica… da raccontare come una bella fiaba.

Sentieri da fiaba nel cuore del Trentino

Sentiero dei piccoli Camminatori – Valle di Comano | Sentiero dell’immaginario – Alpe Cimbra

Sentiero delle leggende – Val di Fassa | Sentiero Naturalistico di Fondovalle – Val di Ledro

Il lavoro, le fate, le streghe – Val di Non

 

Sentiero dei piccoli Camminatori – Terme di Comano

Info utili

Indirizzo: Comano Terme
Più info: clicca qui

Nella Comano Valle Salus ci sono ben sei sentieri per i camminatori in erba e per ciascuno di essi lo scrittore Stefano Bordiglioni ha scritto un racconto per ragazzi. Grilli parlanti, streghe, orsi e un pifferaio magico: un mondo fiabesco apparirà passo dopo passo lungo questi itinerari come un racconto da vivere, non solo da leggere. I Sentieri dei Piccoli Camminatori sono 6 passeggiate pensate per i bambini e le loro famiglie, percorribili durante tutto l’anno. Stefano Bordiglioni, scrittore conosciuto a livello nazionale nell’ambito della Letteratura per Bambini e Ragazzi, ha dedicato a questi percorsi il libro “Sentieri da Favola”, una raccolta di racconti in cui i personaggi delle favole incontrano personaggi legati al territorio per dare vita a una serie di avventure fantastiche. I sentieri, contrassegnati da una bacheca “a misura di bambino”, si percorrono come faceva Pollicino con le briciole, ovvero seguendo dei piccoli segnavia in legno molto discreti, che indicano la direzione. Si può anche ascoltare il racconto di Stefano Bordiglioni scaricandolo dal sito dell’azienda per il Turismo Terme di Comano-Dolomiti di Brenta.

© Visitacomano.it

Scopri di più

Sentiero dell’immaginario – Alpe Cimbra

Info utili

Indirizzo: Alpe Cimbra – Folgaria, Lavarone, Luserna
Più info: clicca qui

Il Sentiero Cimbro dell’Immaginario è un percorso tematico per i più piccoli, tra i più belli ed emozionanti tra quelli presenti in Trentino. Attraverso sculture nel legno e pannelli illustrativi dislocati lungo il percorso, i bambini sono trasportati in un interessante viaggio alla scoperta dei racconti e delle leggende cimbre che, insieme a personaggi dell’immaginario popolare come Frau Pertega, il Bolflupo e il “Basilisco-drago”, sono tramandate di generazione in generazione dall’antico popolo dei Cimbri. Il Sentiero dell’Immaginario è un anello di 7 km che si estende tra i boschi e i pascoli di Luserna, da percorrere in un paio d’ore. Il sentiero presenta un leggero dislivello, perciò non è particolarmente adatto ai passeggini.

© Visittrentino.info

Scopri di più

Sentiero delle leggende – Val di Fassa

Info utili

Indirizzo: Val di Fassa
Più info: clicca qui

Il “Sentiero delle Leggende”, nella conca tra Ciampedìe e Gardeccia, è una meta pensata per le famiglie con bambini, percorribile anche con un passeggino. Si tratta di un percorso suddiviso in sei tappe, ciascuna delle quali corrisponde a una leggenda tradizionale, come quella di Re Laurino e del suo magico Giardino di Rose. In questo modo, oltre a una piacevole passeggiata in un luogo incantato, i bambini potranno apprendere i miti tramandati di generazione in generazione e conoscere tante curiosità su questo magico luogo. In più, lungo il percorso è possibile fermarsi nel rifugio per assaporare una golosa merenda!

© Sentiero delle leggende Fototeca Trentino Sviluppo S.p.A. – D. Lira

Scopri di più

Sentiero Naturalistico di Fondovalle – Val di Ledro

Info utili

Indirizzo: Val Concei
Più info: clicca qui

La passeggiata lungo il Sentiero Naturalistico di Fondovalle è un percorso che nasce da una leggenda popolare che ha come protagonista la fata Gavardina. Secondo i racconti la fata un tempo allietava gli abitanti della Valle di Ledro con il suo canto melodioso, interrotto a causa dei rumori del mondo moderno che la turbarono al punto che decise di nascondersi in una grotta. La sua leggenda è popolata da tanti altri personaggi, come il mago della Val Rendena o i suoi folletti, che animano la storia e spingono i bambini a volerne sapere di più. Il Sentiero Naturalistico di Fondovalle della Val Concei è una sorta di “caccia al tesoro” alla ricerca della fata Gavardina, in un percorso a tappe in cui i bambini sono stimolati alla conoscenza della leggenda e allietati da rappresentazioni dei protagonisti del racconto e da giochi lungo il sentiero. E una volta compiuta la missione, tutti a fare merenda al Rifugio Al Faggio!

© Visittrentino.info

Scopri di più

Il lavoro, le fate, le streghe – Val di Non

Info utili

Indirizzo: Val di Non
Più info: clicca qui

Animali, personaggi da fiaba e protagonisti di antiche leggende, tutti scolpiti nel legno lungo un sentiero che si snoda tra il paesino di Preghena e i boschi della Val di Non: “Il lavoro, le fate, le streghe” è un percorso didattico ad anello che racconta la vita della gente di montagna e le sue tradizioni, arricchito da 21 installazioni, soste per il pic-nic e tante altre sorprese. Pensato per essere percorso da famiglie con bambini, il sentiero didattico si trova nel cuore della Val di Non, tra boschi, meleti e prati verdi, per consentire ai più piccoli di divertirsi, respirare aria pura e stare a contatto con la natura. I protagonisti dell’itinerario sono le fate e le streghe (in legno) che abitano la foresta, ma la passeggiata è anche un’occasione per i più piccoli per ascoltare il racconto e farsi un’idea degli antichi lavori di un tempo. Sconsigliato il passeggino, meglio optare per lo zainetto porta-bimbi visto il certo dislivello su sterrato.

© Visittrentino.info

Scopri di più