Il piccolo comune di Furore, nel cuore della costiera amalfitana, nasconde un luogo ricco di fascino. Una spaccatura tra le rocce che ha creato una spiaggia segreta dall’atmosfera tipicamente mediterranea.

Siete mai stati in costiera amalfitana? Amalfi, Positano, Sorrento, sono alcuni dei luoghi incantevoli che hanno reso questa parte d’ Italia famosa nel mondo. Ma conoscete davvero tutto della costiera amalfitana? Il piccolo comune salernitano di Furore, con i suoi 751 abitanti, possiede una perla della natura, un luogo conosciuto da pochi e di rara bellezza. Il Fiordo di Furore è una massiccia spaccatura della costa rocciosa, per gli addetti ai lavori chiamata diaclasi, che si insinua verso l’interno, creando un panorama quasi alpino: alte pareti di roccia a strapiombo sul mare che proteggono una piccola spiaggia dove potersi isolare dal mondo.

Il fiordo di Furore

Cenni storici | Il fiordo di Furore come set cinematografico

Dove dormire | Come arrivare al fiordo di Furore

Cenni storici

Un tempo questa insenatura ospitava le case dei pescatori e nel XVII secolo vide lo sviluppo delle più antiche forme di attività industriali: cartiere e mulini, alimentati dalle acque del ruscello Schiato che scendeva dai Monti Lattari. Sul lato orientale è situato l’antico “spandituro”, un edificio a pianta rettangolare, utilizzato nel passato come ricovero per la carta appena prodotta e messa ad asciugare. Attualmente è sede di un Ecomuseo, che presenta un saggio d’erbario ed un percorso storico-geografico sui legumi e cereali. I due costoni laterali del vallone, alti circa duecento metri, sono segnati da una rete di sentieri. Lungo il “sentiero dei pipistrelli impazziti“, a ridosso del fiordo, un percorso botanico offre occasioni di spunti didattici sulla preziosa vegetazione a “macchia mediterranea” locale.

furore italien shutterstock_545284324

Il fiordo di Furore come set cinematografico

Il borgo dei pescatori, dove è stato tra l’altro girato il film “Amore” di Roberto Rossellini, è anche sede del Museo Costadiva, che consente di immergersi nei colori della Costiera Amalfitana, tra i set cinematografici che l’hanno vista protagonista. Villa della Storta ospita, invece, il museo permanente dedicato alla famosa attrice Anna Magnani, che proprio a Furore s’innamorò di Rossellini. Secondo alcune voci, proprio durante le riprese del film Amore cominciarono ad arrivare la prime lettere di Ingrid Bergman che chiedeva un incontro con il regista, scatenando così la furiosa gelosia della Magnani.

Beach Furore, Amalfi coast, Italy
Beach Furore, Amalfi coast, Italy

Il Fiordo di Furore è anche famoso per il Marmeeting, la rinomata gara di tuffi che ogni anno vede decine e decine di atleti professionisti da tutto il mondo cimentarsi in tuffi estremi. Il trampolino viene fissato sotto il ponte del fiordo a 28 metri d’altezza! Lo spettacolo è talmente emozionante e popolare che migliaia di spettatori si raccolgono lungo le coste, sulla spiaggia e a largo dell’insenatura pronti ad assistere alle incredibili evoluzioni. La competizione si tiene tutti gli anni nel mese di luglio.

Dove Dormire a Furore?

Furore è anche conosciuto come “il paese che non c’è”. Questo perché non esiste un vero e proprio abitato continuo, ma le case “sbucano” come pastelli colorati lungo le rocce e il centro più popolato si trova in collina verso Agerola. Dormire a Furore è sicuramente un’esperienza unica e soggiornare in soluzioni come Il Centro, terrazzo con idromassaggio vista mare, con jacuzzi esterna vista mare, renderà la vostra vacanza ancora più speciale. In alternativa potete sempre scegliere di pernottare in paesi limitrofi come Agerola, Praiano, o Conca dei Marini tra i più suggestivi e selvaggi panorami della costa. In questo tratto di costa i meravigliosi vitigni a terrazze danno vita ad alcuni vini tra i più pregiati della Costa d’Amalfi.

Foto Airbnb
Foto Airbnb

Offerte hotel Costiera Amalfitana

Come arrivare al Fiordo di Furore

Per raggiungere il Fiordo di Furore con i mezzi pubblici avete a disposizione i bus di linea della compagnia SITA, che percorrono regolarmente il tratto di costa. Se arrivate da Salerno o Napoli  dovrete prendere la linea per Amalfi e una volta arrivati al capolinea cambiare bus per Positano/Sorrento. La fermata è nei pressi del ponte sul fiordo. Invece, se arrivate da Sorrento, dovrete prendere la linea per Amalfi e scendere alla fermata sul ponte del Fiordo. Da qui poi una passeggiata in scalinata vi permetterà di raggiungere la spiaggia.

fiordo di furore costiera amalfitana

Altrimenti se vi recate a Furore in automobile potete raggiungere il Fiordo arrivando da Agerola o dalla statale Positano-Amalfi attraversando Vettica e Conca dei Marini. Fate però attenzione perché non è possibile parcheggiare nei pressi della spiaggia, poiché è raggiungibile solamente a piedi lungo un sentiero molto amato dagli appassionati di trekking.

In conclusione se siete in viaggio lungo la sensazionale Costiera Amalfitana o se siete semplicemente alla ricerca di un paese caratteristico dove trascorrere le vostre vacanze, Furore merita decisamente una visita! Una piccola perla nascosta lungo la Costiera. Pronti a partire?

Scopri le offerte per la Costiera Amalfitana