Periscope: sapete di cosa parlo? Se non avete ancora sentito parlare delle nuova app miliardaria acquistata da Twitter, ecco che il Guru ve la presenta e vi insegna le sue immense potenzialità. L’app è un pò una vista a tutto tondo sul globo: una sorta di teletrasporto virtuale che permette agli utenti di trovarsi in mille posti diversi nello stesso momento. Si tratta di un vero e proprio live streaming, che seppure non è stato inventato dagli sviluppatori di Periscope o del suo più agguerrito concorrente, sembra proprio aver fatto esplodere il trend.

Periscope: di cosa si occupa esattamente?

Periscope vi fa esplorare il mondo guardando o creando voi stessi video che dipingono in tempo reale la realtà in diverse parti del mondo. Quando un utente è live condivide video, file audio e posizione con gli altri utenti dell’app, disegnata appositamente per sistemi IOS. I visitatori possono interagire in tempo reale utilizzando messaggi e cuori: le potenzialità di questa interazione sono infinite, specie la pubblicità. Un esempio? Eccone uno di un saggista che si offre di regalare una copia del suo saggio appena pubblicato a chi pubblicherà più cuori nei prossimi 10 minuti.

Come per Twitter è possibile seguire le persone e avere notifiche sull’app al momento delle loro pubblicazioni o anche vederle tramite i link postati su Twitter.

18

I propositi dell’app secondo gli sviluppatori

Circa un anno fa, siamo stati affascinati dall’idea di scoprire il mondo con occhi diversi, quelli di un’altra persona. Che ve ne pare di poter vedere l’accaduto attraverso gli occhi di uno dei manifestanti ucraini? Oppure di condividere un tramonto con qualcuno che proprio ora sorvola la Cappadocia in mongolfiera? Sembra un’idea folle, ma qual che volevamo fare era costruire qualcosa che producesse qualcosa di molto simile al teletrasporto. Ci sono diversi modi di sperimentare gli eventi ed i luoghi, ma non così tante possibilità per sperimentare un posto in tempo reale, se non attraverso un video live. Una foto cattura un singolo istante, ma un video ti porta sul posto e mostra ciò che circonda quel luogo.

Questa è per me un’idea più che vincente: vivere in tempo reale il mondo, viaggiare stando comodi sul proprio divano. E’ una innegabile fonte di informazione, lo prova anche il fatto che la NBC ha alternano nella diretta di un’esplosione a New York le proprie immagini e degli scope (gergo per video live di utenti di Periscope), ma come sempre si apre il dibattito sulle possibili violazioni di privacy. I contenuti pornografici sono ovviamente espressamente vietati, insieme alle incitazioni alla violenza ed agli atti violenti, ma per il resto? Nelle condizioni di utilizzo dell’app è espressamente indicato che il team dell’app ‘non è obbligato a controllare e monitorare i contenuti postati via Periscope’. Che dire dunque? Ci rimettiamo al giudizio degli utenti e buona fortuna all’app!

peri peri

Scopri le mie offerte