Le Università inglesi producono diversi studi di rilievo: primo fra tutti questo, prodotto dalla mano e dall’orecchio del professor Cox, che si è occupato di recente di turismo acustico. L’udito è qualcosa di sensazionale, la musica della vita ha un ruolo fondamentale nella nostra vita, ed il più delle volte seguiamo suoni in maniera mnemonica, senza neanche accorgercene.

Fin dall’antichità greci e romani hanno utilizzato a loro vantaggio gli effetti del suono, costruendo complicati sistemi architettonici per agevolare la propagazione del suono, esempio per tutti le arene, o per modificare la percezione del suono. Oggi voglio presentarvi alcune tra le mete più apprezzate del turismo acustico, le meraviglie del suono.

Turismo acustico: la Gran Central Station di New York

Proprio nei sotterranei della Gran Central Station di New York si assiste ad un fenomeno assolutamente affascinante: i muri di mattoni fanno rimbalzare i suoni da una parte all’altra. Provate a sussurrare qualcosa al muro e sentirete la vostra frase anche a 10 metri di distanza.

19

Turismo acustico: il battistero di Pisa

All’interno delllo studio è contemplata anche la nostrana Pisa, protagonista di uno studio specifico dell’informatico Leonello Tarabella, che ha calcolato che all’interno del Battistero i suoni emessi perdurano per almeno 15 secondi.

Artikelbild_Pisa_Turm_Sonnenschein

Turismo acustico: l’orecchio di Dioniso e la bella Siracusa

Strano che qualcuno nella penisola non abbia ancora sentito parlare di questo antico stratagemma, l’Orecchio di Dioniso, nella provincia di Siracusa. Stando alla tradizione, l’antico tiranno Dionigi, lo usava per origliare le conversazioni dei nemici e sitratta essenzialmente di una grotta calcarea.

20

Turismo acustico: i ghiacciai d’Islanda

Secondo quanto si riporta, lo scioglimento dei ghiaccia sul Lago Jokulsarlon, provoca tintinni e schiocchi capaci di far rilassare i più nervosi.

Ice in Greenland in spring time

Turismo acustico: le dune del deserto

A quanto pare il suono del deserto è assordante: ossimoro a parte, non si tratta affatto di uno scherzo. Le dune sabbiose del deserto sono composte da minuscole particelle di sabbia, continuamente mosse dal vento e che continuamente scivolano le une sull’altre.

Lo strato più profondo di sabbia asciutta fa da cassa di risonanza e la nota dipende dalla dimensione dei grani di sabbia.

Beautiful natural background -African oasis

Turismo acustico: la Cisterna Basilica di Istanbul

La Cisterna Basilica di Istanbul era a quanto pare la principale fonte idrica della prima collina in epoca bizantina e poi ottomana. Negli anni Settanta soltanto una piccola parte del colonnato emergeva dall’acqua, ma in seguito con un sistema di pompe si decise di aspirare l’acqua e rendere la Cisterna accessibile al pubblico, arricchendola nel 1987 con giochi di luce e suoni.

21

Turismo acustico: i tunnel di Inchindown in Scozia

Un nome criptico e non troppo scozzese quello di questi tunnel sotterranei, che nel 1939 furono progettati e costruiti dal governo inglese per essere riserve di petrolio per le navi da guerra. Nella cisterna più grande si registra un riverbero medio di 75 secondi.

22

Turismo acustico: La Germania e la torre di spionaggio abbandonata

Tra i luoghi più fascinosi seppur da paura, c’è la vecchia torre di spionaggio di Teufelsberg, nei pressi della capitale tedesca. Le sfere che contenevano le antenne producono un rimbombo di suoni, con un forte effetto di riverbero.

24

Scopri le migliori offerte vacanza del Guru