Una delle scuse che a più riprese al gente cita al momento di rifiutarsi di partire in vacanza è sicuramente il costo dell’impresa: per fortuna però c’è una vasca gamma di alternative al tradizionale soggiorno in Hotel che potranno aiutarvi nel ridurre notevolmente il budget richiesto.

Non parlo solo di giganteschi dormitori in ostello, nè del dormire in aeroporto sui sedili di attesa, che pure che è diventato sicuro e più confortevole!

Soggiorno alternativo senza Hotel – prenota un appartamento

Ogni viaggiatore esperto sa di Airbnb, ed è tramite la sua homepage che si regola sul tipo di sistemazione, dato che delle volte il sito offre appartamenti interi con una migliore posizione ed un miglior prezzo. Ma ci sono altre opzioni là fuori come HomeAway che trova case vacanze, FlipKey, ed ancora partner con TripAdvisor.

E ‘possibile soggiornare in un mulino a vento di Santorini, in Grecia, o in Olanda in un sacco di case galleggianti in offerta. C’è una torre d’acqua in affitto a Londra, o una casa sull’albero in Toscana.

Facade of a hostel for pilgrims traveling to Santiago shutterstock_116226094-2

Soggiorno alternativo senza Hotel – entra in famiglia

Per chi cerca di immergersi davvero nella cultura della regione che sta per visitare, organizzare un soggiorno in casa è la soluzione ideale. E no, non stiamo parlando di affittare una stanza in casa di qualcuno, à la Airbnb. Per sapere come è la vita in un altro paese, è meglio essere nel bel mezzo di una famiglia. Questo aiuta un visitatore a imparare non solo la lingua, ma costumi e tradizioni. Coloro che stanno con le famiglie hanno un’idea di ciò che un cittadino medio può mangiare, bere, leggere, guardare, ed il tutto a molto meno denaro di quello che spenderebbe in una stanza d’albergo.

Per organizzare un soggiorno di casa, è meglio cercare il paese o città desiderata, insieme a “rimanere a casa”, come alcuni siti esistono quel gruppo queste opzioni in tutto il mondo. L’esperienza è valsa la pena, però.

travel

Soggiorno alternativo senza Hotel – ritorno alla natura

Non esiste una regola che dice che i viaggiatori debbano lasciare indietro la loro attrezzatura da campeggio quando si muovono verso i confini internazionali. Certo, potrebbe essere un dolore tirarsi una stufa o una tenda da campo dietro, ma immaginate semplicemente afferrato un sacco a pelo di svegliarvi sotto le stelle, migliaia di miglia da casa. Una cereta dose di rischio è però da contemplare quando si è completamente soli e poco attrezzati.

Fortunatamente, ci sono siti destinati al Gamping, che sostengono il “Garden Camping”, in cui i viaggiatori possono trovare se stessi. Se soggiornare appena fuori una casa privata non vi piace, prendetevi il rischio di provare un campeggio selvaggio. Cercate sentieri vicino a laghi, in collina, o semplicemente seguire l’oceano per un posto isolato. La fiducia nel tuo istinto – che faremo sapere se un luogo è sicuro per passare la notte.

Altra esperienza Wild, di ritorno alla natura, può essere quella del Soggiorno in fattoria, dove in cambio di un aiuto nelle faccende quotidiane potrete guadagnarvi il soggiorno. Uno dei siti raccomandati a tal proposito è quello di WWOOF, che si occupa di organizzare soggiorno in fattorie organiche e biologiche.

Glamping