Mi ricordo ancora quando, dopo aver ascoltato una storia particolarmente spaventosa, non riuscivo ad addormentarmi per la paura. Durante le nottate in gita scolastica, in particolare, ognuno aveva la sua da raccontare e molte volte erano tutte “vere”, accadute al “cugino del fratello del migliore amico di mia zia”.  Si rideva tutti insieme alla fine e ognuno faceva finta di non averla bevuta ma, quando poi arrivava il tempo di andare a letto, ogni piccolo scricchiolio o rumore sentito a letto ci faceva sobbalzare.

I 10 luoghi più terrificanti di sempre

Oggi vi vorrei mostrare i 10 luoghi più da brivido del mondo. Si trovano in Scozia, Germania, Messico e anche in Italia e se guardate bene le prossime foto sono certa che un po´ di pelle d´oca vi sia venuta, anche senza credere alle storie che si raccontano!

Artikelbild_haus_gruselig

#10 – Greyfriars Kirkyard, Edimburgo

Il cimitero scozzese di Greyfriars Kirkyard a Edimburgo si trova al decimo posto. Nonostante sia nel centro della magnifica città, questo cimitero fa venire la pelle d´oca anche con la luce del giorno. Dal XVI secolo accoglie le spoglie dei cittadini e da allora anche le storie incredibili di chi é sepolto.

I visitatori e i dipendenti del cimitero raccontano di numerosi attacchi regolari avvenuti nel buio, in particolare nella sezione meridionale transennata della „Covenanters’ Prison“. Questa prigione infatti veniva usata nel 1679 per tutti coloro che avevano, nel 1638,  firmato un patto contro la famiglia reale Stuart ed erano stati sconfitti. Una parte di loro venne rilasciata, ma più di un migliaio di prigionieri morì miseramente o venne giustiziata. L’uomo che ebbe ordinato queste e molte altre esecuzioni, venne poi sepolto in questo cimitero.

Artikelbild_Greyfriars_Kirkyard_Edinburgh_Schottland

Secondo la leggenda, un giorno un senzatetto, in cerca di protezione dal maltempo, si recò nel suo mausoleo ma morì sul colpo, schiantato da una porta di legno. Si dice che abbia svegliato il crudele comandante dal suo “eterno pisolino”. Da allora le storie di visitatori, rimasti feriti misteriosamente in prossimità della tomba, sono aumentate di numero. I misteriosi fatti, però non disturbano gli scozzesi che offrono addirittura tour dei fantasmi notturni attraverso il cimitero infestato. Prossima meta Edimburgo, giusto?

# 9 – Castello di Dragsholm, Danimarca

Alla luce del giorno Castello Dragsholm è una vera bellezza. Nel Medioevo il castello serviva non solo come difesa, ma anche come prigione. Si dice che la figlia dei signori del castello fosse detenuta a causa dell´ amore quanto infelice quanto proibito del suo stesso padre. Un giorno la fanciulla morì di fame dietro le spesse mura del castello e da allora migra attraverso i corridoi del castello. Durante i lavori di ristrutturazione, avvenuti circa 70 anni fa, è stata scoperto lo scheletro di una ragazza che indossava un abito bianco, indubbiamente la ragazza tenuta prigioniera!

Artikelbild_Mädchen_Halle_

Ma nel castello non vaga soltanto lo spirito della giovane donna ma anche quello di un ex prigioniero, il Conte di Bothwell, che appare regolarmente sul parco del castello ed è a piede libero. Gli ospiti del Castello dicono di aver sentito gli zoccoli dei suoi cavalli con estrema precisione. Cacciatori di fantasmi provenienti da tutto il mondo si recano al Castello Dragsholm per esplorare le vibrazioni insolite e per saperne di più sugli eventi insoliti.

# 8 – Centralia – Geisterstadt in Pennsylvania

A parte un paio di coraggiosi residenti che non vogliono rinunciare alle loro case, la piccola città Centralia è una città fantasma. Più di 50 anni, un incendio nelle miniere di carbone ha avvolto le case abbandonate e le strade in un fumo acre. 1000 persone vivevano ancora nel 1981 nella città, oggi ci sono solo 10.

Quando il sole va giù e il fumo si diffonde per le strade, la città appare come un piazzale per l’inferno. L´asfalto di intere strade di catrame si è squarciato. Nel 1981, un ragazzo di 12 anni affondò nel giardino della nonna, in morbido, caldo pavimento. Il calore delle braci, che finora aveva ammorbidito il terreno, non poteva infatti più sopportare il peso del ragazzo. Qualche tempo dopo, il sindaco della città é stato ricoverato in ospedale per avvelenamento da gas. Solo dopo qualche tempo i residenti si resero conto di quanto pericoloso per la salute fosse lo stato in cui la città riversava dopo l´incendio.

Anche se si guida solo con Google Maps lungo le vie della città, è possibile vedere il fumo che si diffonde per le strade deserte. Ci sono ancora pochissime case. Un posto davvero inquietante soprattutto di notte e ad Halloween!

#7 – Cabina B340 della Queen Mary

Riguardo la magnifica nave passeggeri Queen Mary ci sono alcune storie spaventose. Circa 150 gli spiriti che si dice abitino la nave fin dalla sua costruzione, durante la quale più di 40 persone sono morte sulla Queen Mary. Non c’è da stupirsi che molti miti siano sorti intorno alla nave sorella della sfortunata Titanic. Intorno alle piscine inutilizzate oggi spiriti sarebbero stati ripetutamente avvistati come anche schizzi d’acqua. La cabina B340 in particolare non è a disposizione degli ospiti per qualche tempo a causa degli insoliti incidenti in questa stanza. Per esempio, l’acqua scorre dai rubinetti senza motivo e le coperte sui letti risultano usate, anche se nessuno ha occupato la cabina da tempo. La nave è ora un hotel – quindi chi vuole andare alla ricerca di attività paranormali, può farlo senza problemi.

Artikelbild_Queen_MaryColoro che non sono ancora convinti, dovrebbero partecipare a uno dei tour spaventosi che conducono nelle profondità dell’enorme nave per scoprire i segreti che un normale visitatore di hotel non potrebbe altrimenti mai scoprire.

#6 – Il spaventoso sanatorio di Beelitzer a Potsdam

Le porte del sanatorio di Beelitzer sono inchiodate e attraverso la finestra il vento fischia. Il la struttura medica di 140 acri, dove un tempo i malati di tubercolosi da Berlino, ora è vuota ed è uno dei luoghi più spaventosi del mondo.

Artikelbild_Beelitz_Berlin

I fotografi amatoriali, con le loro macchine fotografiche, si muovono intorno al giardino del sanatorio in cerca di un motivo perfetto. Gli edifici fatiscenti e l’imponente architettura mettono già paura di giorno, mentre di notte vi sentirete come in un film dell’orrore. Il soggiorno senza permesso è proibito e punibile, come indica l´avviso all´ingresso. Questo non impedisce però i gruppi di giovani amanti del pericolo di festeggiare Halloween con party clandestini illegali e vagare nei vecchi edifici ospedalieri in cerca di un brivido speciale.

# 5 – Il fantasma di Chloe nella piantagione di Myrtles a St. Francisville

Il titolo delle case più infestate negli Stati Uniti é in Louisiana, nella piantagione di Myrtles. La foto del 1992 raffigura due edifici: il deposito del Generale e la dispensa di Butler. Tra gli edifici si può vedere una figura che si appoggia con le braccia conserte sul muro.
Fin qui tutto normale. Sempre più persone guardando le foto affermano che sia il fantasma di una giovane schiava che un giorno per caso é rimasta intrappolata nel telaio dove si filava il cotone. Il fatto stesso, che si possa vedere una figura tra le tavole orizzontali, é oggetto di dibattito.

<ahref=”https://www.facebook.com/379250188881510/photos/a.379253635547832.1073741825.379250188881510/379253642214498/?type=1″>Post by The Myrtles Plantation.

Si ritiene che la ragazza sia una schiava di nome Chloe,giovane amante del proprietario della piantagione. Un giorno, presa dalla gelosia, la schiava avvelenò la figlia e la moglie del proprietario. A dire il vero, la ragazza avrebbe voluto solo far ammalare i due, per poi salvarli miracolosamente, ma alla fine entrambi morirono. Gli altri schiavi avendo intuito e temendo l´ira del proprietario, appesero il corpo di Chloe su un albero e gettarono il suo corpo poi nel Mississippi. Il luogo, dove si dice la ragazza sia stata appesa, si dice sia ancora particolarmente impressionante sotto il sole. 

#4 – L´Isola della Bambole (Isla de las Munecas), Messico

A sud della capitale messicana di Città del Messico potete trovare un’isola che farebbe venire la pelle d´oca a ogni visitatore. In realtà intesa come un rifugio per i turisti, l’isola delle bambole (Isla de las Munecas) è ora un hotspot raccapricciante per chi cerca il brivido e l’eccitazione.
Secondo la leggenda, una giovane ragazza annegò in circostanze misteriose sull’isola. L’amministratore dell’isola, Don Julian Santana Barrera cercò la bambina ma arrivò troppo tardi per aiutarla. Poco tempo dopo, fu trovata una bambola in acqua e la si appese tra gli alberi. Nel corso degli anni, sempre più bambole sono state aggiunte e dopo quasi 50 anni numerose sono le bambole inquietanti appese agli alberi.

Don Julian morì nel 2001, annegato sulla sua isola. Da allora, l’isola è un luogo popolare per coloro che cercano il brivido. Anche in pieno giorno il posto è inquietante per via delle tante bambole con gli occhi senz’anima, ma in particolare al buio, si dice che numerosi siano i sussurri e i movimenti irriconoscibili in questa isola in Messico.

#3 – La Foresta dei suicidi Aokigahara Forest, Giappone

Il luogo perfetto per morire sembra essere in Giappone, ai piedi del monte Fuji. Nel bel mezzo delle foreste giapponesi in Aokigahara ogni anno 78 persone si suicidano. Il responsabile per i tassi di suicidio in costante aumento sembra essere un romanzo del 1960. Nel romanzo Kuroi Jukai due dei protagonisti si impegnano a suicidarsi in questo densa e opaca foresta.

artikelbild_Japan_Wald_mount_fuji

Da allora moltitudini di pellegrini giungono ai piedi del monte Fuji. Forse vogliono guardare anche solo il luogo mitico e misterioso, e perdersi ancora una volta nella vastità della foresta. Il governo giapponese non può fare nulla contro questa moda se non mostrare segnali che scoraggino il suicidio. Qui ci sono cose da leggere come “La vita è un dono prezioso che hai fatto ai tuoi genitori” o “Si prega di rivolgersi alla polizia se si avverte il desiderio di morire”.
Nel parcheggio ci sono alcune auto abbandonate, i cui proprietari sono andati nel bosco e non sono mai usciti. Un luogo misterioso, la foresta Aokigahara.

#2 – Il paese fantasma di Craco in Italia

Il nostro Belpaese è conosciuto per le sue belle città e i vecchi paesini incantevoli agli occhi di ogni visitatore. Se si cammina, per esempio, attraverso i vicoli di Siena ci si sente come in un bel sogno. I vecchi e stretti vicoli appartengono da sempre al panorama italiano dei piccoli paesini del Sud Italia. Tra il 1959 e il 1972, un devastante terremoto ha quasi distrutto la città di Craco. La gente ha dovuto, volente o nolente, abbandonare le rovine e cercare una nuova casa. Il paese abbandonato, quindi, con i suoi edifici fatiscenti, strade deserte e rovine é diventato una destinazione popolare per i cacciatori di fantasmi.

Artikelbild_Craco_Italien

I viaggiatori che si avventurano a Craco si trovano immersi in un’atmosfera a dir poco surreale, circondati dal paesaggio lunare dei “calanchi” resi celebri dal “Cristo si è fermato a Eboli” di Carlo Levi; olivi secolari misti a cipressi antichissimi sono dal lato del paese verso lo scalo, quest’ultimo sulla ferrovia calabro lucana da questo lato divelta e abbandonata. I nomi delle contrade vicine evocano un passato intenso e misterioso: per esempio, “Canzoniere”, che prende il nome da un’antica taverna posta lungo un tratturo un tempo molto frequentato. Secondo una leggenda la taverna era gestita da una donna molto avvenente, una sorta di Circe contadina che una volta sedotti i malcapitati avventori, li uccideva e li metteva sotto aceto, facendone il piatto forte della sua taverna. Di notte il brivido è assicurato.

# 1 – Loftus Hall in Irlanda

Al primo posto troviamo un posto da brivido in Irlanda, famosa per i numerosi edifici infestati e le sue leggende.
4878935_f496
Il diavolo stesso infesta questo terrificate posto e naturalmente, come in tutti i castelli da brivido, una piccola bambina vaga per le stanze della dimora. Il posto fu costruito sulle rovine di una residenza del 1666 e appartiene alla famiglia Lotus da allora. Il fantasma di questo castello si chiama Anne Tottenham, la quale perse il senno dopo aver perso una partita a carte e squarciò le pareti per la pazzia. Si posso ancora ammirare i graffi sui muri…Dopo la partita fu obbligata dai famigliari al riposo forzato nel proprio letto, da dove però non si alzò mai più, e non pronunciò alcuna parola fino alla sua morte nel 1775. Volete incontrarla? Si organizzano tour attraverso la villa se avete il coraggio di entrare nella casa infestata e vedere i misteri che nasconde.

Buon Halloween dal Guru :)