Cominciamo col dire che Bruxelles è una delle città più verdi d’Europa, con ben 40 metri quadri di spazio verde per abitante. Se già il centro città offre splendidi parchi dove riposarsi e leggere un buon libro su una panchina, man mano che ci si allontana dal centro, le aree verdi diventano sempre più estese. Troviamo il Parco del Cinquantenario, il Parco di Voluwe, il Bois de la Cambre e altri, fino ad arrivare al Parco Reale con le sue splendide Serre Reali. Ma se quella di visitare una città a partire dai suoi parchi può sembrare una curiosa abitudine, rieccoci in centro.

Arrivando alla Grand Place da una delle piccole vie che vi confluiscono, si ha un colpo al cuore: la vista che ci si spalanca agli occhi è assolutamente perfetta. L’eleganza e la sontuosità dei palazzi che raccontano la storia della città è qualcosa che sorprende sempre. Non a caso, si tratta di una delle piazze più belle d’Europa. Con i palazzi secenteschi delle corporazioni, la piazza è dominata dalla torre dell’Hotel de Ville, il municipio, monumento in stile gotico brabantino del XV secolo. Ogni giorno in questa piazza si tiene uno splendido mercato dei fiori.

Bruxelles_grand_place

In città la cultura dei caffè e dei ristoranti all’aperto all’aperto è una delle cose che colpisce di più: dovunque è possibile sedersi ad uno degli eleganti tavolini, magari sorseggiando una delle meravigliose birre belghe. Fatevi consigliare: la lista è sempre interminabile!

Visitate poi il Palazzo Reale: è qui che il re svolge le sue funzioni di capo dello Stato ed è la sede di ricevimenti ed eventi ufficiali in occasione di visite di capi di Stato stranieri. Altro punto d’interesse è la Cattedrale di St. Michel. Per terminarne la costruzione ci sono voluti duecento anni, tra il XIII e il XV secolo. E’ una delle cattedrali più famose della città ed è stata edificata sopra i resti di chiese più antiche dedicate ai santi Michel e Gudule.